Integrato il Comitato tecnico-scientifico dell’Ecomuseo Carat

Il Comitato tecnico-scientifico dell’ecomuseo “Carat” si arricchisce di ulteriori componenti di indiscutibile valenza culturale, che sono stati nominati dal Sindaco Cassì con determinazione sindacale n. 27 del 14 aprile scorso, sulla base della valutazione dei curriculum vitae presentati.
Dell’ organismo, composto come previsto dal Regolamento comunale “Carat” da studiosi di storia, arte, territorio e tradizioni locali ed esperti tecnici in altre discipline attinenti le finalità dell’Ecomuseo, il sindaco Peppe Cassì ha chiamato a farne parte oltre all’architetto Paola Schininà, all’arch. Giuseppe Iacono, al dott. Carmelo Arezzo, al dott. Fabio Manenti, già componenti, la dr.ssa Chiara Ottaviano, il prof. Giorgio Flaccavento, il dott. Lorenzo Guardiano.
Tra i compiti dei componenti del comitato tecnico-scientifico dell’ecomuseo “Carat” che svolgono la propria attività in modo personale, spontaneo e gratuito, rientrano, tra l’altro, quello di proporre linee guida e indirizzi per la qualificazione, promozione e valorizzazione dell’area ecomuseale, l’attivazione di studi e ricerche attraverso il coinvolgimento delle associazioni locali, la predisposizione di corsi di formazione per gli aderenti all’Ecomuseo per migliorare la qualità dell’offerta di servizi quali lezioni didattiche rivolte alle scuole di ogni ordine e grado, visite guidate, consulenza didattica e scientifica.

“L’Ecomuseo Carat – dichiara il sindaco Peppe Cassì – si arricchisce di competenze ed energie: il prof. Giorgio Flaccavento, il dott. Lorenzo Guardiano e la dott.ssa Chiara Ottaviano, esperti a vario titolo del nostro patrimonio culturale.
Il prof. Flaccavento, ex dirigente scolastico nonché presidente della Società di Storia Patria e dell’associazione ‘Insieme in città’, è memoria storica della comunità ragusana, che, attraverso le sue assai frequentate “passeggiate”, ha contribuito a divulgare. Sua la firma di numerose pubblicazioni che hanno saputo descrivere le trasformazioni socioculturali del nostro territorio.
Il dott. Lorenzo Guardiano è un giovane ma già affermato docente. Maestro di Pianoforte, dottore magistrale in Archeologia e dottorando in Egittologia, è esempio delle capacità e delle ambizioni di tanti giovani ragusani che vivono e lavorano distanti dalla propria terra continuando ad averne a cuore la valorizzazione.
La dott.ssa Chiara Ottaviano è tra le fondatrici dell’Associazione italiana di Public History. Ha curato mostre storiche e programmi televisivi, diretto documentari e collane editoriali e, dal 2000 al 2016, l’Archivio Storico di Telecom Italia. Ha prodotto il documentario Terramatta e promosso l’Archivio degli Iblei, progetto digitale per la valorizzazione del patrimonio storico e culturale del Sud Est della Sicilia.
Insieme all’assessore alla Cultura Clorinda Arezzo, già nel corso del primo incontro del nuovo Cts avvenuto pochi giorni fa, ho apprezzato come l’eterogeneità di competenze e il condiviso attaccamento per la nostra terra abbiano creato piena sintonia tra i componenti e pluralità di proposte.
Sono certo che, con l’auspicata riapertura dei luoghi culturali in Sicilia e la ritrovata possibilità di costituire momenti pubblici di incontro, il Comitato contribuirà a promuovere la valorizzazione del nostro patrimonio attraverso la partecipazione della comunità, fondamento dell’Ecomuseo”.

Ultimi Articoli