Marina di Ragusa ottiene ancora l’ambito riconoscimento della Bandiera BLU

Nel corso di una cerimonia, a Roma, nella sede del CNR, è stato rinnovato l’ambito riconoscimento della Bandiera BLU per la spiaggia di Marina di Ragusa.
A rappresentare il Comune di Ragusa l’assessore Giovanni Iacono che in un post ha voluto fissare gli elementi pregnanti del riconoscimento:
“Ho avuto l’onore di rappresentare la città di Ragusa per ricevere la bandiera blu 2023.
La bandiera blu è un riconoscimento internazionale che viene assegnato in 49 paesi del Mondo con il supporto di due agenzie ONU, il programma della Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP) e l’Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO).
In Italia, l’intera, rigorosa e selettiva, procedura per il riconoscimento viene gestita dalla fondazione FEE che si occupa di educazione ambientale e di educazione allo sviluppo sostenibile.
Quest’anno sono stati 226 (su oltre 8.000) i Comuni Italiani che hanno ottenuto il riconoscimento.
Sono 458 le spiagge Italiane premiate e tra queste la spiaggia di Marina di Ragusa che è una delle 4.212 spiagge nel mondo che si può fregiare della bandiera blu e della certificazione ambientale.
Solo 11 in Sicilia le bandiere blu e Ragusa è l’unico capoluogo e il Comune più grande. Degli 11 Comuni siciliani, ben 4 sono in provincia di Ragusa. Oltre a Ragusa anche Ispica, Modica, Pozzallo.
Nel resto dell’Isola la Bandiera Blu è stata assegnata ad Alì Terme, Roccalumera, Furci Siculo, Santa Teresa di Riva, Lipari e Tusa in provincia di Messina e a Menfi in provincia di Agrigento.
Questi 226 Comuni, per un totale di 458 spiagge, corrispondono a un quarto delle spiagge italiane, anche lacuali oltre che marine, e a circa l’11% delle spiagge premiate a livello mondiale. Sono 17 le Bandiere Blu in più rispetto allo scorso anno.
A riceverne di più sono state la Liguria e la Puglia.
È la 38^ edizione di questo appuntamento. Nella fase di valutazione portata avanti dalla Commissione valutatrice, hanno dato il loro contributo diversi Enti Istituzionali tra i quali, il Ministero del Turismo, con il ministero dell’Agricoltura, Sovranità alimentare e foreste, l’Istituto Superiore di Sanità, gli Ordini dei Chimici e dei Fisici; università come quella della Tuscia, – Laboratorio di Ecologia Marina; l’Università per Stranieri di Perugia, nonché organismi privati quali i sindacati balneari (SIB-Confcommercio – FIBA – Confesercenti).

Sono 33 i criteri suddivisi in quattro aree di interesse:
qualità delle acque;
gestione ambientale;
educazione ambientale;
servizi e sicurezza.
Sono stati ritenuti eccellenti il servizio di salvataggio e dei bagnini che ogni anno viene attivato dal presidio di protezione civile, il servizio di igiene urbana e di raccolta differenziata, la qualità delle acque, ecc.
Tutto questo contribuisce a rendere ancora più attrattivo il nostro territorio con importanti riflessi economici per gli operatori turistici, economici in generale e per tutti.
Un trend che continua a crescere quindi dopo i risultati degli anni precedenti, nell’ultima classifica 2022 sulla qualità della vita del sole XXIV ore, Ragusa ha guadagnato 22 posizioni in ‘Ambiente e servizi’, 15 in ‘ricchezza e consumi’.”
Presente alla cerimonia di consegna delle Bandiere BLU il Ministro del Turismo, Daniela Santanchè che ha dichiarato: “C’è voglia di Italia nel mondo e tutti dobbiamo fare la nostra parte”, ha detto esprimendo tutta la soddisfazione perché il nostro Paese ha “scalato una posizione: quest’anno in Europa siamo passati da quinti a quarti”. “Dobbiamo continuare a lavorare molto perché quello turistico è un settore che può occupare tantissime persone, soprattutto tantissimi giovani” ha concluso il Ministro.

Ultimi Articoli