Non ci doveva essere una rotatoria ?

di redazione

Lo chiede il Movimento 5 Stelle Modica

“Ieri abbiamo assistito all’inaugurazione di un nuovo locale nei pressi del Polo Commerciale di Modica. “Bene” – potremmo dire – se tutto fosse stato rispettato. Ci risulta, però, sulla base di atti pubblici comunali, che il proprietario del locale ha ottenuto l’autorizzazione a ‘struttura commerciale’ condizionata alla realizzazione, in quel tratto di strada abbastanza trafficato, di una rotatoria, così come prevede la delibera del consiglio comunale n. 11 del 11/02/2014. 
Ci risulta anche che il predetto locale sia stato già oggetto di critiche e perplessità, negli anni passati, per la richiesta di una variante urbanistica da parte dello stesso proprietario dell’immobile per adibirlo a edificio commerciale non alimentare. La variante fu approvata dal consiglio comunale negli anni scorsi dove, nel frattempo, era stata chiesta una nuova disponibilità all’ampliamento della sede stradale in forma gratuita: tutto ciò fu recepito dai titolari e puntualmente concesso. 
Oggi la struttura è stata definitivamente autorizzata, grazie, se così si può dire, ad un emendamento proposto e votato da ben 18 consiglieri comunali, presenti a suo tempo in aula, che hanno inserito nella premessa del corpo della delibera: “Preso atto della nota della ditta F.lli Avola S.r.l. di cui al prot. 5177 del 05/02/2014, con la quale si dà disponibilità a contribuire in ragione di un terzo delle spese occorrenti per la realizzazione della rotatoria lungo il tracciato dell’ex SS. 115 oggi via della Costituzione, in corrispondenza dell’intersezione con la via Cava Gucciardo e la Via Alberto Portogallo meglio descritta e individuata nella nota del progetto trasmesso a Codesto Ente in data 07/03/2011 prot. n.15802”. 
Gli stessi consiglieri hanno inserito al punto uno deliberato alla fine: “contestualmente alla realizzazione della rotatoria, in corrispondenza della intersezione con la via Cava Gucciardo e la via Alberto Portogallo dalle Ditte private sotto la direzione dei lavori del Comune da parte del settore di competenza. 
Allo stato dei fatti, ad oggi purtroppo, abbiamo assistito all’inaugurazione del locale, ma non abbiamo ancora visto la rotatoria. 
A questo punto, ci chiediamo: chi deve vigilare e che fine fanno gli atti deliberati dal consiglio comunale se poi nella realtà si fa quello che si vuole o, meglio, quello che più conviene, al solito a scapito dell’interesse generale della cittadinanza. 
Ci chiediamo anche, visto che insieme ai consiglieri di maggioranza c’erano anche dei consiglieri di opposizione che hanno votato anch’essi a favore, come mai ad oggi tali consiglieri non hanno ancora denunciato la grave irregolarità? Chi garantisce i cittadini?”
(comunicato del Movimento 5 Stelle Modica)  

Ultimi Articoli