Parte da Acicatena la stagione del Ragusa Calcio

Alle 15,30, sul campo di Acicatena, il Ragusa Calcio gioca la prima di campionato nel girone B del campionato di Eccellenza.
Grandi le ambizioni della dirigenza che, in verità ha condotto una campagna acquisti con il chiaro obiettivo di essere protagonista.
L’esordio in campionato non è dei più facili, come ha sottolineato l’allenatore Filippo Raciti, consapevole di trovare davanti una formazione preparata, che farà valere il fattore campo.
Il Ragusa soffrirà l’assenza di tre titolari, squalificati, Sangarè, Messina e Bettabghor, ma non disdegna l’idea di tornare con tre punti dal campo etneo.
Del resto, come accennato, si è coltivato, in estate, un progetto importante, come hanno ribadito nella conferenza stampa di presentazione il vicepresidente Alberto Ribellino, il direttore generale Alessio Puma, il direttore dell’area tecnica Graziano Strano.
Quest’ultimo ha evidenziato la caratura degli elementi scelti per un campionato di prima fila, e ha confermato gli sforzi della società per aggiungere qualche altro importante tassello alla rosa.

Gli ultimi innesti l’attaccante classe 2001 Lucas Fernandes, passaporto statunitense, che ha giocato in Toscana e in Umbria tra Eccellenza e Promozione, e il portiere Dylan Cantarero, classe 2002, lo scorso anno al Troina in Serie D.
prima era arrivato un altro portiere, ad affiancare il titolare Armando Di Martino: Piero Motta, classe 2001, originario di Catania, proveniente dall’Atletico Catania dove ha disputato la seconda parte della scorsa stagione. E’ cresciuto nella Berretti della Leonzio e ha fatto parte del gruppo della squadra Senior.
La difesa era stata ulteriormente rafforzata con il centrale catanese Marco Spampinato, uno dei giovani siciliani più promettenti, classe 1999, difensore centrale, un baluardo della difesa alto 190 centimetri, entusiasta di sposare la causa azzurra. Proveniente dall’Aci Sant’Antonio, Spampinato è nato calcisticamente nelle giovanili dell’Ardor Sales, poi ha disputato un anno con la Juniores dell’Acireale e quindi quattro anni al Giarre dove, nella scorsa stagione, è stato ceduto in prestito all’Aci Sant’Antonio.
In attacco la squadra ragusana avrà l’apporto di un esterno d’attacco dai piedi buoni, con il fiuto del goal, l’etneo Luca Belluso, classe 1994, proveniente dall’Acicatena, e con trascorsi nell’Atletico Catania, nel Biancavilla e nel Viagrande, Belluso è la pedina che mancava per garantire ulteriore peso specifico all’attacco della squadra azzurra, in coppia con Alessandro Randis.

La stagione parte con tutti i presupposti per fare bene, naturalmente, come sempre, occorrerebbe la tredicesima presenza in campo, quella del pubblico di casa che dovrebbe dare l’apporto necessario e indispensabile per il giusto mix di entusiasmo e di agonismo per affrontare un campionato comunque difficile con più di una squadra con ambizioni dichiarate e con formazioni di tutto rispetto.

Ultimi Articoli