A Modica la maggioranza consiliare boccia mozione sullo ‘Stop Global Warming’

Una nota del Consigliere Marcello Medica, rappresentante del Movimento 5 Stelle al Consiglio comunale di Modica, per la bocciatura di una sua mozione per lo ‘Stop Global Warming’:

MODICA – Non avremmo potuto immaginare che anche una mozione avente ad oggetto “Adesione Campagna ‘Stop Global Warming’”, ovvero una campagna europea per fermare il surriscaldamento globale del pianeta, potesse essere bocciata dal Consiglio Comunale e in particolare dalla sola Maggioranza consiliare. A dire la verità, qualche collega della stessa Maggioranza ha fatto prevalere il buon senso, astenendosi.
Ringraziamo i colleghi della Minoranza che invece hanno dato il loro pieno appoggio ad un atto a firma del Consigliere Comunale del M5S, Marcello Medica, e che aveva soltanto l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e altre istituzioni a fare altrettanto, supportando una campagna senza alcun colore politico se non quello della tutela della nostra terra dal continuo e crescente inquinamento ambientale e del conseguente surriscaldamento che ha raggiunto oramai livelli preoccupanti.
Attraverso tale campagna si chiede alla Commissione europea di proporre una normativa dell’UE che scoraggi il consumo di combustibili fossili, incoraggi il risparmio energetico e l’uso di fonti rinnovabili per combattere il riscaldamento globale e limiti l’aumento della temperatura a 1,5ºC.
La proposta consiste nell’introdurre un prezzo minimo per le emissioni di CO2, partendo da 50 EUR per tonnellata di CO2 dal 2020 fino a 100 EUR entro il 2025. Al contempo, la proposta punta ad abolire l’attuale sistema di quote di emissione gratuite per coloro che inquinano nell’UE e introdurre un meccanismo di adeguamento alla frontiera per le importazioni da paesi terzi, in modo da compensare i prezzi più bassi delle emissioni di CO2 nel paese esportatore. Le maggiori entrate derivanti dalla fissazione del prezzo delle emissioni di CO2 verranno dirottate verso le politiche europee che sostengono il risparmio energetico e l’uso di fonti rinnovabili e impiegate per ridurre l’imposizione fiscale sui redditi più bassi.
Non si comprende, pertanto, il motivo per cui la mozione è stata boicottata, forse perché era stata proposta da un consigliere di Minoranza. L’unica motivazione, infatti, la partigianeria politica, che quando prevale sull’interesse generale non è utile a nessuno, semmai danneggia.
C’era la possibilità di dare un messaggio alla cittadinanza non solo modicana, per una presa di posizione a sostegno dell’ambiente, così come hanno già fatto tutti i Consiglieri Comunali di Palermo e altre istituzioni italiane ed europee e invece si è preferito bocciare l’atto.
Tutto ciò non costituisce sicuramente un dramma, anche perché, come dramma, ci basta già quello che stiamo tutti quanti nuovamente vivendo in questi giorni di Covid.
Il M5S di Modica e il suo portavoce in Consiglio Comunale, Marcello Medica, aderiranno ugualmente a questa importante campagna ambientale e invitano tutti i cittadini modicani e non solo, che hanno a cuore la tutela dell’ambiente e del nostro pianeta, ad aderire alla campagna europea ‘Stop Global Warming’, firmando la petizione on line al seguente link: https://www.stopglobalwarming.eu/?lang=it.

Ultimi Articoli