Campobasso fa sua la prima del Memorial Francesco Passalacqua

Un test molto interessante per la Passalacqua Ragusa il primo dei due incontri validi per il Memorial dedicato a Francesco Passalacqua, illuminato imprenditore e uomo di sport come sponsor di squadre di vertice nazionale.
Pur senza il sostegno dei tifosi e del pubblico amico, la squadra di Gianni Recupido ha dimostrato di essere già pronta per affrontare il campionato: ci sarà ancora da lavorare ma tutte le atlete hanno dimostrato di essere pronte e vogliose di ben figurare in questa stagione che vuole essere l’incipit di un nuovo ciclo ma può anche riservare, da subito, grosse soddisfazioni, per la società e per i tifosi.
Il banco di prova Campobasso è stato di quelli tosti, la squadra ospite ha subito mostrato di aver dismesso le vesti di neopromossa e ha mostrato carattere e organizzazione, in grado di competere al vertice del campionato, come aveva già preannunciato Recupido che mette Campobasso fra le squadre che potrebbero inserirsi nei primi 6 posti della classifica di serie A 1.
Le ospiti, pur senza nomi illustri a referto, non hanno mostrato timori reverenziali, sono state sempre in partita, con buone giocate, una visione di gioco semplice ma efficace, una ottima prestazione globale per il tiro dall’arco che ha contribuito a tallonare la squadra di casa nella prima metà di gara, superarla di un punto nel terzo tempo, sul 57-58, per poi andare a vincere quando la Passalacqua ha tirato i remi in barca, risentendo della fatica del primo impegno ufficiale e, anche di una certa fatica mentale per concentrarsi come era stato nella prima parte di gara.
In ogni caso, buone notizie dal fronte Passalacqua, nonostante questa sconfitta determinata dal calo finale, prestazione accettabilissima di tutte le giocatrici.
Impeccabile la prestazione di Chiara Consolini, grande impegno di Nicole Romeo che tenta di affermare il suo ruolo di regista della squadra, conferma delle doti di Tagliamento e di Nicolodi che hanno contribuito non poco al gioco di squadra.
In attesa di Isabelle Harrison, che dovrebbe essere la stella di questa formazione 20/21, hanno ben figurato i nuovi acquisti, Marshall e Trucco, sotto i riflettori le prestazioni, già buone, di Kuier, l’ala egiziana di passaporto finlandese che viene considerata una grande promessa del basket, e di Mariella Santucci che dovrebbe vestire il ruolo, da sempre evanescente nella nostra squadra, di play in grado di trascinare la squadra verso i traguardi ambiti e che merita, dopo anni di sacrifici e di impegno della società.
Una prima prestazione di buon livello, si attendono conferme dalla seconda partita di oggi pomeriggio, che vedrà il Campobasso godere del margine di 7 punti per il successo finale nel Memorial.

Il Campobasso, come dicevamo, si è mostrata formazione che ha subito superato i timori di neopromossa-
Una formazione che sembra già ben registrata, lucida regia di Bonasia e Marangoni, conferma di Wojta, buone prestazioni di Ostarello, Linskens e Bove, con la quattordicenne rivelazione sugli scudi di Blanca Quiñonez.
La squadra molisana riesce a contenere Ragusa nella prima parte della gara, con efficacia e si fa trovare pronta appena le biancoverdi allentano la presa per il fisiologico calo nella prima di stagione.
Va detto che mancavano cinque elementi della rosa, per cui si possono attendere grosse sorprese, in campionato da questa neopromossa.

PASSALACQUA VIRTUS EIRENE RAGUSA – LA MOLISANA MAGNOLIA CAMPOBASSO 72-79
(25-20, 43-37; 57-58)

RAGUSA: Romeo 19, Consolini 8, Marshall 6, Nicolodi 13, Kuier 9; Trucco 5, Santucci 7, Tagliamento 5, Bucchieri. Ne: Trovato, Sammartino e Baglieri. All.: Recupido.

CAMPOBASSO: Bonasia 19, Wojta 14, Quiñonez 13, Ostarello 14, Linskens 7; Marangoni 7, Bove 7. Ne: Nikolikj ed Amatori. All.: Sabatelli.

Ultimi Articoli