Eran 300, eran giovani e forti…ma erano in più !

Capolavoro di comunicazione dell’Ufficio Stampa dell’Azienda Sanitaria di Ragusa.
Dopo le roventi polemiche per la lunga fila di aspiranti vaccinandi, di oggi 7 aprile 2021, davanti alla sede dell’hub vaccinale di piazza Caduti di Nassirya, sito nei locali dell’ex ospedale Civile, in serata ci giunge un comunicato stampa che definire magnifico è un eufemismo e che si chiude con un piccolo capolavoro.

Si rende noto, alle ore 20, forse per creare anche un’atmosfera, il motivo della lunga fila di cittadini in attesa della vaccinazione: sono stati erroneamente caricati nella piattaforma 300 utenti in più rispetto alla programmazione della giornata.
E si aggiunge che molti di quelli in fila provenivano da altre province della Sicilia.

Recita la nota, testualmente:

Ragusa, 7 aprile 2021 – Oggi la programmazione dei vaccini all’hub dell’ex ospedale Civile di Ragusa ha registrato inconvenienti a causa dell’alto numero di persone che si sono presentate, in quanto invitate, per la vaccinazione.

Dovevano essere circa 500 i vaccini da inoculare, purtroppo, a causa di un errore, che si è verificato nella piattaforma delle prenotazioni, le persone che si sono presentate sono state più di 800.
Alcune di queste provenivano, addirittura, da altre province della Sicilia.

La Direzione Generale, preso atto del disagio causato agli utenti, esprime rammarico per quanto accaduto e ha raccomandato agli uffici preposti di vigilare affinché tali inconvenienti non si ripetano più.

Tuttavia, pur nelle condizioni di disagio, si è ha avuto l’effetto positivo di inoculare 300 dosi di vaccini in più.

Due particolari da rilevare: non viene specificato se l’errore nella piattaforma è avvenuto localmente oppure a livello regionale, farebbe propendere per questa ultima ipotesi il fatto che c’era gente di altre province, altrimenti verrebbe da chiedersi perché questa gente non viene invitata a vaccinarsi sul suo territorio?

Poi inevitabile citare il capolavoro finale, la chiusura del comunicato, che trasforma l’ennesima topica della sanità siciliana in un caso positivo, “perché è stato possibile 300 dosi di vaccini in più.”
Se anche gente di una certa età, convocata per le ore 9, è stata inoculate dopo le ore 13, poco importa.
Un successone, tanto che anche il Sindaco di Ragusa, l’avv. Cassì ha sentito il bisogno di condividere il post sui social che spiegava l’accaduto

Ultimi Articoli