Mancanza di decoro urbano in città

Sono i consiglieri Sergio Firrincieli, capogruppo del Movimento 5 Stelle al Consiglio Comunale di Ragusa, e il consigliere del PD, Mario D’Asta a segnalare casi che mettono in evidenza la mancanza di decoro urbano in città.
Firrincieli segnala che una pensilina della fermata autobus in via Deledda, angolo via Ungaretti, a seguito dei danni riportati a causa di un incidente, è da ripristinare.
Una struttura che serviva a riparare chi attende alla fermata del bus urbano, da più di una settimana è inutilizzabile. Erano gli studenti di un vicino istituto scolastico a utilizzare la struttura, oggi in completo degrado, che fa il paio con il disastrato servizio di trasporto pubblico urbano.
Fra l’altro, la pensilina è pericolante, per i danni subiti, e costituisce un pericolo per la pubblica incolumità.
Un problema da risolvere al più presto, secondo Firrincieli che rivolge la segnalazione agli organi comunali competenti, nella speranza di ricevere riscontro alla segnalazione.

Di altro tipo, ma non meno significativa, la segnalazione del consigliere D’Asta che sottopone all’attenzione dell’amministrazione la situazione cronica nei siti dei mercatini settimanali, dove, al termine del mercato, vengono abbandonati rifiuti di ogni tipo.
La ditta che si occupa della raccolta dei rifiuti provvede alla pulizia, ma quando piove e tira vento, risulta difficile pulire adeguatamente il sito, senza dire che sporcizia e puzza la fanno da padrone.
Come sono soliti fare i consiglieri comunali, anche D’Asta evidenzia che non vuole criminalizzare gli ambulanti, meno che mai gli operatori ecologici che svolgono puntualmente il loro lavoro.
Allora tutti i salmi finiscono in gloria e deve essere, secondo D’Asta, l’amministrazione a trovare le soluzioni, che, da parte nostra, ci permettiamo di suggerire: intanto, alla fin del mercato, un servizio di controllo sugli ambulanti che devono raccogliere i rifiuti in un punto preciso della piazza e devono provvedere a non lasciare cartoni e sacchetti di plastica che sono sparsi dal vento.
Naturalmente, per alleviare i disagi, servono adeguati cassonetti che possano raccogliere i rifiuti in maniera differenziata, umido, carta e cartone, vetro, plastica e indifferenziata, così da imporre, come per i Comuni cittadini, la differenziata.
Semplice come l’uovo di Colombo, sistema da adottare in tutti i mercati: chi trasgredisce viene sanzionato.

Ultimi Articoli