Presentata la prima Comunità Energetica ragusana

A conclusione dell’evento di presentazione della prima Comunità Energetica (CER di Ibla), l’assessorato allo Sviluppo di Comunità, comunica che a seguito dell’incontro, partecipatissimo e che ha visto l’intervento del sindaco di Ragusa Peppe Cassì e di altri relatori, tra cui l’assessore Giovanni Iacono, l’assessore Andrea Distefano, l’ing. Carmelo Licitra, l’ing. Salvatore Cilia, il presidente della CER Ibla Gianluca Biazzo, la presidente della Commissione Risorse del Comune di Ragusa, Giovanna Occhipinti, la dott.ssa Vera Sudano, e gli interventi da parte di numerosi cittadini e rappresentanti di associazioni e cooperative presenti, tra le quali Legambiente e Confcooperative, si è condivisa la necessità di stimolare la partecipazione attiva nell’ottica della coesione e dello sviluppo di comunità per cogliere, come obiettivo comune l’opportunità di creare “comunità energetiche”.
In questa ottica, l’assessore Giovanni Iacono ha sottolineato che “le comunità energetiche rappresentano una vera rivoluzione e per attuarla ci vuole, innanzitutto, uno spirito comunitario, uno sviluppo di comunità che ci renda consapevoli di un ‘destino comune’, della solidarietà, del sostegno reciproco, dell’etica della responsabilità, dei doveri verso gli altri!
Con le comunità energetiche ognuno di noi diventa ‘azionista’: da consumatori passivi e subordinati a fornitori di energia; consumatori attivi e produttori. L’autoproduzione, il consumo e la produzione possono essere a portata di tutti anche di chi non ha possibilità oggettive di superfici dove installare impianti o di minori possibilità a causa di esposizione sfavorevole delle proprie case (case basse e adombrate).
Il Comune di Ragusa in questi anni, dal 2019, ovvero da quando si è legiferato in materia di comunità energetiche, ha prodotto molti atti amministrativi che sono stati descritti durante l’incontro e che sono il terreno di ‘coltura’ che oggi consente di avere il supporto fondamentale e necessario per le comunità energetiche che necessitano della compartecipazione del Comune (CER Ibla nasce sfruttando impianti che verranno installati su immobili del Comune molto distanti dalle case dei componenti la comunità).
Le comunità energetiche devono però nascere dal ‘basso’ come consapevolezza collettiva di essere partecipi e protagonisti di questa rivoluzione. Spesso, però, le difficoltà nelle scelte derivano anche dalla carenza di informazioni”.
Alla fine dell’incontro grazie a dei volontari, si è attivato un canale informativo, al quale è possibile chiedere chiarimenti e dettagli. Detti canali sono raggiungibili all’indirizzo email: infocer.ragusa@gmail.com o tramite messaggistica whatsapp al numero 3348954459.

Ultimi Articoli