Anche Legambiente Ragusa fa opposizione al borotalco: segnala gravi infrazioni non controllate ma non fa cenno ai responsabili delle omissioni per i controlli e relative sanzioni

Legambiente Ragusa denuncia la persistente violazione di norme del codice della strada, addirittura nella centralissima via Roma: biciclette e monopattini, e anche motociclette, circolano indisturbati nell’ area pedonale, minando la sicurezza dei pedoni e compromettendo la qualità ambientale della zona.
Strano che Legambiente non abbia contezza che a Ragusa questo fenomeno di biciclette e monopattini che circolano impunemente all’interno di aree pedonali e sui marciapiedi è ampiamente tollerato.
A Marina di Ragusa, innumerevoli le denunce di questo tipo, addirittura c’è chi ha visto l’assessore al ramo che passeggiava, in isola pedonale, affiancato da vigili urbani, mentre sfrecciavano biciclette e monopattini, senza che ci fosse la benché minima reazione da parte dei tutori dell’ordine.
Anche il Sindaco non può non aver avuto contezza del fenomeno, più volte denunciato.
Il fatto che non ci siano per nulla misure e interventi mirati per contrastare i fuorilegge indica chiaramente che gli amministratori non hanno tanta voglia di intervenire.
Diventa allora surreale un comunicato di Legambiente Ragusa che lancia un appello per il rispetto delle norme sulla Zona Pedonale di via Roma, facendo riferimento agli obiettivi di migliorare la vivibilità del centro storico.
Legambiente, ben lungi, forse per il peso dell’età, dai bei tempi di contestazione serrata e accesa contro ogni attacco alla vivibilità ambientale, non se la prende con l’indifferenza o con l’inadeguatezza di sindaco e assessore, ma invita i cittadini a rispettare le disposizioni vigenti e a considerare il benessere collettivo.
Si rivolge genericamente ad autorità competenti, per intensificare i controlli e applicare le dovute sanzioni, ma è più convincente un diabetologo che consiglia di non abusare con gli zuccheri.
C’è da dire anche che le sanzioni eventualmente previste non sono poi così severe, servirebbe il sequestro del mezzo per cominciare a scoraggiare i fuorilegge, il personale delle forze dell’ordine è insufficiente, senza dimenticare che Ragusa è la città dove il mancato rispetto delle norme del codice della strada è cosa diffusa, dalle precedenze alla sosta nelle rotatorie, alla sosta selvaggia agli angoli degli incroci, al mancato rispetto delle corsie, al rispetto del divieto di sosta nei posti riservati alle mamme in attesa e ai disabili

Questa la nota di Legambiente Ragusa:

Legambiente Ragusa: Appello per il Rispetto delle Norme sulla Zona Pedonale in Via Roma
Ragusa, [Data] – Legambiente Ragusa esprime profonda preoccupazione riguardo alla persistente violazione delle norme di chiusura al traffico in una parte di Via Roma, un’area designata come zona pedonale. Nonostante il divieto, registriamo frequenti episodi di infrazioni da parte di utenti di monopattini, biciclette e motociclette, minando la sicurezza dei pedoni e compromettendo la qualità ambientale della zona.
La chiusura di Via Roma al traffico veicolare è stata attuata con l’obiettivo di migliorare la vivibilità del centro urbano, favorire la mobilità sostenibile e garantire uno spazio sicuro per i pedoni. Tuttavia, l’osservanza di queste regole è fondamentale per il successo di queste iniziative.
Legambiente Ragusa invita i cittadini a rispettare le disposizioni vigenti e a considerare il benessere collettivo. L’uso improprio di monopattini, biciclette o motociclette nelle zone pedonali non solo è illegale, ma crea anche situazioni di pericolo per coloro che frequentano la zona, specialmente anziani e bambini.
Chiediamo alle autorità locali di intensificare i controlli e di applicare sanzioni più severe per scoraggiare comportamenti illegali. Allo stesso tempo, incoraggiamo la comunità a essere parte attiva nel promuovere una cultura del rispetto delle norme che favorisca una convivenza armoniosa tra pedoni e utenti di veicoli non motorizzati.
Legambiente Ragusa si impegna a sensibilizzare la comunità sulle questioni legate alla mobilità sostenibile e alla tutela dell’ambiente urbano. Invitiamo i cittadini a partecipare attivamente a iniziative e incontri che promuovano uno sviluppo urbano equilibrato e sostenibile.

Ultimi Articoli