Colpaccio della Virtus Ragusa, in trasferta, a Monopoli

La Virtus sale di colpi nella seconda parte di gara, specialmente in difesa, e ottiene la prima vittoria dei Play-In Gold battendo in trasferta Monopoli.
La squadra di Recupido s’impone per 72-75 dopo un pomeriggio durissimo ed equilibrato.
Sono due punti di importanza capitale per il proseguo della stagione, che confermano i progressi mentali della squadra. Ottima prestazione di Vavoli e Brown, entrambi con 17 punti. L’americano è anche estremamente preciso dalla lunetta (12/15). A far saltare il banco però è una splendida difesa di Ragusa, che produce il recupero di Sorrentino e i due liberi che esauriscono la contesa.

Otto dei primi dodici punti della Virtus portano la firma di Vavoli: 11-12 al 6’. Ragusa inizia muovendo bene la palla in attacco, ma il secondo fallo di Gaetano fa scattare il primo alert. Amoroso, già visto su palcoscenici prestigiosi, segna sette punti di fila, Ragusa accusa il primo passaggio a vuoto (0-9 di break) e la White Wise allunga sul +7. Epifani realizza un bel canestro in emergenza, ma la Virtus si perde il taglio di Bini sull’ultimo possesso ed è costretta ad inseguire sul 25-19 al 10’.
Il mini-intervallo non si rivela un grande alleato. La Virtus fatica a trovare soluzioni contro l’attacco di Paternoster e Monopoli allunga sul 33-22, costringendo al timeout Recupido.
Sorrentino prova a caricarsi la squadra sulle spalle con la prima tripla, Vavoli lo assiste con una superba produzione offensiva, ma è nell’altra metà campo che la Virtus si consegna all’esperienza di Amoroso, non trovando antidoti per limitarlo. Il floater di Cioppa è subito rintuzzato da Tommasini: il primo tempo finisce con 11 punti di margine per i padroni di casa.
Nel terzo periodo arriva il click tanto atteso: Ragusa ritrova la sua anima difensiva e rimonta progressivamente. Un paio di canestri di Gaetano e una prodezza di Sorrentino in transizione riaprono completamente il match (51-47 al 27’), la tripla di Brown riporta la Virtus a -1. Laquintana chiude un parziale di 8-0 con il canestro dall’arco, ma è ancora Bini a punire da lontano: 57-52 al 30’.
La Virtus, però, è totalmente dentro la partita. Un tecnico alla panchina pugliese concede a Sorrentino e Brown la prima opportunità di sorpasso da tempo immemore: 3/3 dalla lunetta per il 59-61.
Simon e Vavoli, fra recuperi e contropiede, combinano splendidamente per sette punti consecutivi e la Virtus prova a sganciarsi (61-69 al 34’). La gara si innervosisce e Ragusa perde Vavoli per falli.
Monopoli ricuce ai liberi e il finale si decide in volata. Le squadre segnano solo dalla lunetta fino alla tripla di Bini: 72-73 Virtus a 37” dal termine. Sorrentino sbaglia dall’angolo ma produce un recupero difensivo, al termine di una difesa stellare della Virtus; poi segna due liberi a 1 secondo dalla conclusione, rendendo impossibile l’ultimo tentativo di Amoroso, che non vede neppure il ferro.

“Fra primo e secondo tempo è cambiato tantissimo l’atteggiamento difensivo – dice a caldo coach Recupido -. Noi ci ripetiamo continuamente che se vogliamo fare la differenza, in questo campionato, bisogna migliorare in difesa. Oggi ci siamo riusciti. I ragazzi sono stati bravi anche perché, a causa di alcune scelte degli avversari, abbiamo dovuto cambiare in corsa il piano partita, e adattarsi non è mai semplice.
Ma ho visto grande disponibilità da parte di tutti. Vincere su un campo del genere, contro gente così esperta, è un segno di compattezza. Nessuno è andato fuori di testa per gli errori commessi o per le valutazioni arbitrali. Abbiamo conquistato questi due punti – avverte infine il coach – ma siamo soltanto all’inizio: sarà una seconda fase lunga e molto tosta”.

White Wise Monopoli-Virtus Ragusa 72-75 Parziali: 25-19; 44-33; 57-52.

White Wise Monopoli: Venga 8, Tommasini 12, Diomede ne, Merlo 6, Annese 2, Laquintana 14, Corral, Di Giuliomaria 7, Amoroso 11, Bini 12, Natalini, Guarini ne. All.: Paternoster

Virtus Ragusa: Brown 17, Piscetta 2, Epifani 7, Cioppa 2, Simon 9, Vavoli 17, Sorrentino 9, Gaetano 12, Mirabella ne, Calvi ne, Iannelli. All.: Recupido

Arbitri: Iaia e Serse di Brindisi

Ultimi Articoli