Riqualificazione piazza Stazione e piazza del Popolo, i lavori saranno ultimati con due mesi di ritardo

Grande importanza è data dall’amministrazione per i lavori di riqualificazione della piazza Stazione e dell’area di piazza del Popolo, tanto che il Sindaco ha voluto effettuare un sopralluogo con l’assessore Giuffrida per verificare l’andamento dei lavori.
Lavori, dell’importo di 370.000 euro, affidati all’impresa Mondello Costruzioni s.r.l. di Sant’Angelo di Brolo (ME), aggiudicataria dell’intervento, che saranno ultimati con un ritardo di due mesi rispetto alla data indicata alla consegna dei lavori, avvenuta il 26 giugno del 2020, quando era stato indicato in 270 giorni il tempo occorrente per l’opera
L’opera pubblica prevede una riqualificazione complessiva del sito che comprende la piazza antistante la stazione ferroviaria, il monumento ai caduti e lo spazio a verde dell’Ospedale Civile che diventerà area pubblica.
Nel corso del sopralluogo la progettista, architetto Santacroce, ha illustrato le varie fasi dell’intervento e la serie di soluzioni architettoniche previste come la eliminazione delle barriere che delimitano i punti di aerazione del parcheggio interrato esistente nella piazza, sostituite con strutture a raso che renderanno più gradevoli ed utilizzabili gli spazi. Nella piazza antistante la stazione ferroviaria sono stati già definiti le aree laterali destinate a verde e ad accogliere dei giochi per i bambini. Nella parte centrale invece al fine di “mascherare” il pozzo circolare di areazione del parcheggio interrato verrà realizzata una struttura a specchio sulla quale si rifletterà lo spazio esterno del sito.
Nel corso del sopralluogo è stato verificato anche il primo intervento di riqualificazione che ridisegna l’area a verde, prospiciente Piazza del Popolo ed una parte del Viale Sicilia, che era inglobata all’interno dell’Ospedale Civile, che diverrà adesso pubblica, in cui verranno sistemati elementi di arredo urbano. Interessante sarà anche la soluzione architettonica studiata nell’area in cui sorge il Monumento ai Caduti allargando i percorsi pedonali che collegano l’area della Stazione ferroviaria con Piazza del Popolo contribuendo a dare una visione prospettica più ampia a tutta la zona, grazie anche, come detto, alla eliminazione delle barriere che delimitavano i due punti di areazione laterali del parcheggio.
L’intento è quello di riqualificare la zona, ormai del tutto marginale dal punto di vista commerciale: dopo i lavori per il parcheggio sotterraneo, che ne decretarono la morte commerciale, sono via via mancati il catasto, gli istituti di credito e da ultimo l’ospedale, i due cinema erano da tempo chiusi, come la stazione, uffici e presidi dell’Azienda Sanitaria, in viale Sicilia e in via Dante, non riescono a costituire fattore di movimento nella zona che ha visto anche il declino del viale Ten Lena.
Il Sindaco ritiene che, grazie alla riqualificazione dell’area dello Scalo Merci e alla fermata della metroferrovia il sito potrà tronare a rivivere, ma se ne parlerà fra qualche anno e, in ogni caso, come per via Roma e le vie adiacenti, manca purtroppo una strategia di sviluppo economico e commerciale che possa costituire catalizzatore di interessi per una rinascita della zona.

Ultimi Articoli