XI Giornata Nazionale del Trekking Urbano

di redazione
Comune e quattro associazioni impegnati per una iniziativa che coinvolge ambiente, cultura, turismo e centri storici.

Sono stati gli Assessori Antonio Zanotto e Stefania Campo ad accogliere, in conferenza stampa, a Palazzo dell’Aquila, i responsabili delle associazioni Kalura, Lorenzo Occhipinti, comitato Cittadino cava Santa domenica, Tiziana Zacco, Sicilia Antica, Angelo Tidona e CAI, Carlo Battaglia.
Particolarmente felice per l’iniziativa l’assessore Zanotto che vede la possibilità d far scoprire le bellezze di questa città, che sono tante e, spesso, nascoste.
Nel suo intervento ha messo in luce la precedente e preventiva pulizia del percorso lungo la Cava Santa Domenica, che rientra fra gli obiettivi di valorizzazione del patrimonio naturalistico ambientale.
Lorenzo Occhipinti, dell’Associazione Kalura, ha voluto evidenziare come la tre giorni ragusana sia una estensione della Giornata Nazionale del Trekking Urbano che si celebra il 31 ottobre.
Grazie alla collaborazione delle altre associazioni e alla condivisione da parte dell’amministrazione si è riusciti nell’organizzazione che ha già riscosso i primi riscontri positivi.
Raggiunti gli scopi prefissati, con numerose prenotazioni per i diversi itinerari, con notevole presenza anche di turisti stranieri, dati che spingono a pensare di ripetere iniziative di questo genere.
Tiziana Zacco, del Comitato cittadino Cava Santa Domenica, considera l’appuntamento fondamentale per far conoscere il sito che caratterizza il panorama del cento abitato e ha voluto mettere in luce l’intervento di pulizia operato dai volontari dell’associazione, a cui ha voluto partecipare, attivamente, anche l’assessore Zanotto che si impegnato personalmente per differenziare i rifiuti raccolti.
Per Sicilia Antica, Angelo Tidona si è detto felice di contribuire all’iniziativa che rientra nelle finalità dell’associazione che rappresenta, tutte rivolte alla tutela e valorizzazione del patrimonio naturalistico-ambientale e artistico-architettonico.
Carlo Battaglia, del CAI, ha elogiato il lavoro di tutti e ha messo a fuoco l’itinerario curato dal suo club che permetterà di ammirare il centro abitato da una prospettiva per molti nuova e inedita.
Stefania Campo, in chiusura dell’incontro, ha esaltato la valenza del percorso ad anello che permette, dal centro storico superiore, di apprezzare le bellezze architettoniche del barocco, giù per le scale che portano a Ibla, continuando l’itinerario all’interno della Ibla antica per poi immergersi nel parco naturale della vallata Santa Domenica. Un percorso naturale, che dovrebbe essere totalmente disponibile per la pubblica fruizione, non un valore aggiunto ma intrinseco del territorio, un raro esempio di parco all’interno della città, che riserva mille sensazioni indescrivibili, prima fra tutte quella di non accorgersi di essere nel cuore di un centro abitato.
Il programma prevede, per venerdì 31 ottobre, 2  partenze, (ore 9.30 e 11.30) per un percorso attraverso Cava Santa Domenica, quartiere Archi, a Ibla, Cava San Leonardo, quartiere San Paolo e Carmine.
Sabato mattina, da piazza della Repubblica alla Cava san Leonardo, per arrivare alla “Timpa o nanu”.
Nel pomeriggio di sabato, visite al Museo di San Giorgio e alla Chiesa del SS Trovato.
Domenica mattina, attraverso Cava Santa Domenica, quartiere Archi, concerie Fiumicello e Chiese rupestri di Santa Domenica e Santa Sofia, e il carnaio dei colerici.
Nel pomeriggio, a largo San Paolo, alla scoperta di ‘Ibla Magica, misteriosa e leggendaria, un percorso avvincente per chi ama sentire storie di leggende e di “patruna o luocu” ‘ 

 

Ultimi Articoli