Comitato Civico Articolo 32: nasce anche a Ragusa un comitato civico indipendente per il diritto alla salute e al servizio sanitario pubblico

“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”

In questi giorni si sta perfezionando, per iniziativa di un gruppo di cittadini ragusani, la costituzione del Comitato Civico Articolo 32. In analogia con iniziative simili in tutta Italia il comitato intende rappresentare gli utenti del servizio sanitario pubblico. Il documento programmatico si basa sulla interpretazione del titolo V della Costituzione.
Infatti con la riforma del titolo V della Costituzione, nel 2001 sono stati introdotti i livelli essenziali di assistenza, i Lea, cioè le prestazioni e i servizi che il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) è tenuto a fornire obbligatoriamente a tutti i cittadini gratuitamente o dietro pagamento di una quota di partecipazione (ticket).
Tra le eredità che la pandemia ci ha lasciato ci sono anche le liste d’attesa: tempi assurdi e sempre che ci siano posti disponibili.
A giudizio del Comitato i tempi di attesa non sono altro che un’articolazione del livello assistenziale dei Lea, la cosiddetta salute del territorio.
Pertanto, il diritto alla tempestiva diagnosi e cura è decisivo e fa del rispetto dei tempi, prescritti dal medico di base, un diritto costituzionale inderogabile.
I tempi di attesa per una prestazione, quindi, non possono essere stabiliti dalle strutture dell’Asp. La struttura sanitaria è obbligata a rispettare i tempi indicati dal medico nella ricetta con uno specifico codice. (U=urgente entro tre giorni, B=breve, entro 10 giorni, D=differita entro 30 o 60 giorni, P=programmata entro 120 giorni). Pertanto, il mancato rispetto del codice attribuito dal medico curante costituisce una violazione di legge. Quando i tempi del servizio pubblico sono incompatibili con le esigenze di salute, e andare altrove diventa una via obbligata, a pagarne le conseguenze non può essere il cittadino.
Questo meccanismo perverso va combattuto in tutti modi. In questo contesto il “Comitato Civico Art.32” intende analizzare le inadempienze segnalate dai cittadini e proporre specifiche vertenze amministrative o legali.
Il diritto dei cittadini è prioritario e pertanto, anziché assumere strategie pilatesche, l’Azienda sanitaria provinciale è obbligata a ricorrere ai servizi accreditati, a quelli in libera professione o a quelli dei privati, addebitando all’utente il solo costo del ticket, se dovuto.
Allo scopo di affermare il principio costituzionale, nel caso in cui le segnalazioni non dovessero registrare adeguato riscontro, il Comitato provvederà a inoltrare apposite segnalazioni all’Autorità Giudiziaria e al Comando Carabinieri per la tutela della salute.

Ultimi Articoli