Il Carnevale al reparto di neonatologia del “Giovanni Paolo Ii” di Ragusa

“PICCOLO PIGIAMA” è l’iniziativa che i clown dottori di “ci ridiamo sù” hanno organizzato in questi giorni nelle pediatrie, nelle ostetricie e nella neonatologia dell’ASP di Ragusa

I piccolissimi degenti del reparto di Neonatologia dell’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa diventano speciali supereroi per un Carnevale davvero speciale. Perché quando arriva è sempre una grande festa, anche tra le mura di un reparto ospedaliero che con la forza della fantasia, la simpatia di speciali dottori dal naso rosso e l’allegria dei travestimenti diventa un magico palcoscenico.

Ieri l’altro, a Ragusa, l’ultima di tre giornate che l’associazione iblea “Ci ridiamo sù” ha realizzato negli ospedali Maggiore di Modica, il 20 febbraio scorso, Guzzardi di Vittoria, il 21 febbraio, e appunto ieri Giovanni Paolo II di Ragusa. I reparti coinvolti sono stati Pediatria e Ostetricia in tutt’e tre i nosocomi e Neonatologia del capoluogo.

‘Piccolo Pigiama’ è il nome dell’iniziativa promossa dall’Associazione in collaborazione con l’Asp di Ragusa, che ha allegramente stravolto la monotonia ospedaliera dei piccoli o piccolissimi pazienti ricoverati e delle neomamme o future tali dei reparti coinvolti.

D’altronde che Carnevale sarebbe senza il gioco e soprattutto senza il travestimento?

L’intervento più intenso ieri in Neonatologia, dove il ritmico suono dei monitor della terapia intensiva ha fatto posto ad un momento di gioia condivisa.

Con l’aiuto dei clown dottori i piccolissimi pazienti, che combattono ogni giorno per la vita, sono stati travestiti, per l’occasione, in tanti supereroi con copertine, realizzate dalle abili mani delle artigiane di Ammanoamano di Modica, trasformate in veri e propri costumi, raccontando così tutta la loro forza attraverso il mantello di un piccolo Superman o una tenera Wonder Woman.
Una sorpresa inattesa per dare forza ai genitori dei bimbi e all’intera comunità del reparto.
Tanti piccoli Capitan America, Flash, Batman, ma anche api e coccinelle portafortuna per allontanare anche un po’ la paura e quella fretta che li ha fatti arrivare un po’ prima del previsto. Il loro primo Carnevale li riconosce realmente supereroi.

Nei reparti di Ostetricia dei tre ospedali i clown dottori hanno ugualmente colorato di superpoteri i bimbi tanto attesi trascinando nel gioco le neomamme e i neopapà e tutti i parenti in visita. La forte energia ha dato forza al momento già gioioso.

La parte conclusiva di ogni intervento si è svolta nelle Pediatrie dove con teatrini d’ombra e racconti della buonanotte fatti di magia e stupore i clown dottori hanno riportato i bambini in contatto con il loro mondo fatto di fantasia.

La gioia, l’allegria, la sorpresa: per una sera pazienti e familiari si sono ritrovati in un mondo magico, animato dai personaggi delle storie narrate. Hanno sognato a occhi aperti, rapiti dal mondo incantato che i clown dottori hanno saputo creare. Hanno riso e si sono divertiti, dimenticando per qualche ora la difficoltà del momento e hanno rafforzato il loro coraggio creando insieme una divertente ricetta contro le paure.

Ultimi Articoli