Ri-Pensare Ragusa pensa sul parcheggio interrato di Ragusa Ibla

Un post di riflessione del movimento politico Ri-Pensare Ragusa sul parcheggio interrato di Ragusa Ibla, troppo dimenticato in relazione alle urgenti esigenze del quartiere e protagonista di una tipica storia della politica siciliana.

“Argomento delicato e complesso, dai più dimenticato o sottovalutato, tornato alla ribalta e molto discusso negli ultimi tempi alla luce dei molteplici problemi riscontrati a Rg Ibla , l’adozione della ztl , degli atavici problemi dei parcheggi, siano essi per i residenti o le strisce blu;
È di questi giorni un atto dirigenziale, molto interessante e positivo, pubblicato il 4 luglio 2022, dell’attuale amministrazione, occasione per cui si ritorna a parlare di questo tema. (aggiungiamo stranamente ignorato da tutte le figure istituzionali preposte al controllo di tali atti)
Di seguito i fatti riportati nella determina, riscontrabili negli allegati, in cui si legge la cronistoria degli avvenimenti:

Il piano particolareggiato dei centri storici approvato in data 23/11/2012 prevedeva nell’elaborato 37, con gli Interventi specifici 3,5, e 78 la realizzazione di un parcheggio interrato multipiano nella discesa Peschiera

E‘ del mese di Ottobre del 2016 la presentazione di una proposta progettuale di finanza, da parte di una società interessata alla realizzazione del parcheggio, ai sensi delle normative vigenti in materia di project financing, acquisita al protocollo in data 10/10/2016

Nel mese di gennaio del 2018 la soprintendenza BB.CC.AA, rilasciava il nulla osta archeologico e successivamente rilasciava il parere favorevole al progetto di fattibilità, con una validità di cinque anni

Con delibera di GM n.83 dell’8 marzo del 2018, viene preso atto della proposta, dei pareri favorevoli rilasciati e si demanda al dirigente preposto la predisposizione degli atti necessari ad andare avanti

Nella determina si dà atto che il progetto di fattibilità è stato redatto sulla base di verifiche preventive dell’interesse archeologico e della verifica dell’area boschiva effettuata in data 17/05/2018 con verbale positivo acquisito dal comune di Ragusa in data 25/05/2018

In data 04/05/2021, circa 3 anni dopo, il Comune dì Ragusa avviava la procedura Vas (valutazione ambientale strategica).

Con nota del 13/09/2021 il dipartimento urbanistica della Regione ha chiesto al comune di Ragusa l’adozione dì una delibera di consiglio per la reiterazione del vincolo di area destinata a parcheggio interrato così come previsto dal piano particolareggiato;

Dall’analisi del deliberato emergono tuttavia dei dati su cui pensiamo si debbano fare delle opportune riflessioni:

Sembra evidente che non ci sia stata una continuità amministrativa, il lasso di tempo di circa tre/quattro anni dal 2018 al 2021 e di seguito nel 2022 la nomina di un responsabile del procedimento evidenzia che qualcosa non ha funzionato nel portare avanti l’iter amministrativo.
È opinione ricorrente e diffusa che qualsiasi provvedimento adottato a Ragusa Ibla in materia di viabilità per quanto studiato e discusso, risulti inefficace o parzialmente efficace.
Siamo dell’opinione che sino a quando la realizzazione del parcheggio interrato non si porti a termine le discussioni continueranno all’infinito.
D’altronde crediamo, e ne siamo convinti, che nella redazione del piano particolareggiato, per cui ci sono voluti anni di progettazione, l’inserimento di un parcheggio interrato sia stato dettato proprio da uno studio mirato a risolvere i problemi di viabilità e parcheggio all’interno di Rg Ibla.
Auspichiamo come sempre che tutto ciò che porti al miglioramento delle condizioni in termini di vivibilità, accesso ed inclusione della ns città vada incoraggiato.

In coda alla nota di Ri-Pensare Ragusa, ci piace citare un commento di persona competente in materia:

“In realtà sarebbe tutto molto semplice, non c’è stata la dovuta attenzione e aggiungerei la competenza.
In pratica se ne sono fregati tutti. Era stata lasciata una Ferrari nel garage, ma solo dopo quattro anni hanno messo un guidatore, se la sa guidare ancora non si sa, ma questo è un altro discorso”

Ultimi Articoli